Nefta: un’oasi alle porte del deserto

Nefta (o Nafta; 33 ° 53′N 7 ° 53′E) è una città tunisina e un’oasi che si trova nel Governatorato di Tozeur a nord di Chott el Djerid.
La maggior parte dei sufi ritiene che Nefta sia la casa spirituale del sufismo, la città è un centro di pellegrinaggio durante tutto l’anno ed è il centro religioso di Bled el Djerid, la “terra delle palme”, ​​con oltre 24 moschee e 100 marabout.
Nefta è divisa in due parti da un piccolo oued e una depressione all’estremità settentrionale. Ad est dell’oued si trova la nuova città, con l’antico quartiere del souk nel suo angolo sud-occidentale; a ovest, sulle pendici di una collina, si trova la città vecchia. La strada principale da Tozeur attraversa la nuova città come Avenue Habib Bourguiba, che poi attraversa l’ue e costeggia la città vecchia. Alla sua estremità occidentale una strada si dirama a destra, sale sulla collina, gira intorno al centro storico e alla vasca di sabbia, e ritorna su Avenue Habib Bourguiba.
L’abitato di Nefta è costituito da un fitto agglomerato di case cubiche con un tetto piatto. In alcune strade i piani superiori delle case, sospesi su archi a tutto sesto, si proiettano sulla strada, formando dei tunnel che offrono protezione dal sole.
Si ritiene che Nefta sia stata fondata originariamente da pastori che provenivano dal regno di Napata. I romani e successivamente i bizantini costruirono forti nell’oasi (Nepte) per fornire protezione contro le incursioni dei nomadi del deserto. Durante l’impero romano la città allora conosciuta come Nefte era la sede di un vescovato cristiano, che ha funzionato fino alla fine del VII secolo. In epoca bizantina Nefta e Tozeur erano sedi episcopali. A metà del VII secolo Nefta fu conquistata dagli arabi e, nonostante la feroce resistenza, si convertì all’Islam. Una comunità cristiana fu tuttavia registrata nel 1194
Nei secoli successivi Nefta prosperò come un importante punto di sosta per le carovane. Il suo declino iniziò nel XV secolo a seguito delle incursioni più frequenti da parte delle tribù nomadi e del generale crollo del commercio delle carovane. Con l’avvento dei francesi nel 1881, tuttavia, Nefta subì un rinnovamento.
Le saline vicino di Nefta furono utilizzate per le riprese della saga dei film  “Star Wars“.

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *